Vans Nere Saldi

Le nostre Vans Nere più iconiche, compresi i modelli Vans Nere e molti altri acquistabili online. Acquista online da un'ampia selezione nel negozio Scarpe e borse.

Proprio durante la stagione in corso, la storica partnership tra Adidas e Fenerbahce festeggia i primi 10 anni, Il contratto, siglato per la prima volta nel 2004, a inizio anno è stato vans nere ulteriormente rinnovato, così che le iconiche tre strisce continueranno a campeggiare sulle divise dei gialloblù di Istanbul fino al 2019, Il brand tedesco conferma così i canarini nel roaster dei propri top club, portando nelle casse del club turco circa 7 milioni di euro annui per un totale di 35 milioni: una cifra ragguardevole che permette finalmente al Fenerbahce di pareggiare i ricavi da sponsor tecnico di cui godono gli arcirivali cittadini del Galatasaray, accendendo ulteriormente la battaglia per la supremazia nazionale..

Ma passiamo ora ad analizzare le proposte riservate da Adidas ai diciannove volte campioni della Süper Lig, Il kit casalingo, elaborato sulla base del vans nere template Condivo 14, non presenta alcuno sconvolgimento cromatico, ma scelte nel solco della tradizione, La divisa, nella sua porzione frontale e lungo le maniche, presenta la rigida alternanza tra strisce blu navy e gialle, mente il retro è stato realizzato con il ricorso ad un incontrastato navy, sul quale spiccano il marchio dello sponsor e il ricamo corsivo “ Fenerbahce ”, elementi ricorrenti in tutte e tre le divise prodotte da Adidas..

Paradossalmente, la novità più eclatante non è la presenza di uno o più elementi, ma la loro assenza: spicca infatti, dopo 36 anni, l’ assenza del main sponsor al centro della divisa, per la gioia di esteti, tifosi ed appassionati, Il kit viene completato da pantaloncini e calzettoni blu navy con dettagli a contrasto realizzati in giallo, La  divisa away riprende a sua volta l’ormai classica colorazione utilizzata per le gare giocate in trasferta: ritorna dunque un kit bianco, ma arricchito da molti elementi innovativi che gli conferiscono un tocco di eleganza, quali vans nere le  pinstripes blu e un sobrio colletto alla coreana..

I pantaloncini ricalcano quelli già proposti per la divisa casalinga, benché in differente salsa cromatica e i calzettoni, anch’essi realizzati alternando elementi blu navy su campo bianco, presentano, al pari di quelli abbinati agli altri kit, la sigla del club all’interno di ampie hoops. Il third kit realizzato da Adidas presenta un’insolita colorazione blu royal, nella parte frontale caratterizzata da una texture strisciata tono su tono, sulla quale spiccano dettagli in argento, su tutti lo stemma del club.

Sembra sia destino, vincere tanto con il club che è diventato la tua seconda casa, andare prima in Inghilterra, poi in Turchia e vincere ancora, e infine, a distanza di sei anni, ritornare nella squadra d’adozione, l’Inter, osannato dai tifosi, a cercare di risanare un gruppo che nel frattempo si è smarrito, Questa è l’ultima missione da compiere per Roberto Mancini, che ritrova una società cambiata, un nuovo presidente, nuovi giocatori e vans nere che domenica dovrà cercare di superare l’esame più difficile: Il Derby, Non dimentichiamoci, però, ciò che ha aiutato “il Mancio” a diventare quello che è oggi: il suo passato da calciatore, dai maestri da cui ha assimilato le basi e dove ha mosso i primi passi, Ma soprattutto con quali scarpe ha regalato tante magie..

Bologna (1981-82) Scarpino artigianale – I primi passi in serie A Mancini si affaccia alla finestra del calcio che conta a 16 anni, un’età da predestinato. Lo scarpino è ovviamente nero con logo bianco : l’azienda può sembrare Valsport, ma è difficile dirlo con sicurezza. Il Bologna dovette retrocedere dalla massima serie, ma il “Mancio” riuscì comunque a essere presente in ben 30 partite, lasciando il segno tra i tifosi rossoblu. Sampdoria (1982- 97) Puma King / Asics Testimonial / Diadora / Kronos – Sotto la luce dei riflettori

L’esperienza con la Sampdoria si trasforma presto in un trampolino di lancio: il rapporto con il maestro Boskov, ma soprattutto l’intesa con il compagno di reparto Gianluca Vialli, tanto letale da farli diventare “i gemelli del gol”, Uno scudetto nel 1991, due Coppe Italia, una Supercoppa italiana e anche una Coppa delle Coppe, nel 1990 ai danni dell’ nderlecht, Sul versante scarpe da vans nere calcio sono stati i diversi i passaggi d’azienda per Mancini: parte con Puma King, che vestirà volentieri anche nei suoi primi match in Nazionale, passando poi da Diadora e Kronos, e stabilizzandosi poi con Asics Testimonial, In quel periodo l’azienda giapponese diventa anche sponsor tecnico dei “blucerchiati”, Forse “il Mancio” ha trovato lo scarpino perfetto..

Lazio (1997-00) Asics Testimonial – Il punto esclamativo di una carriera da sogno Riesce a contribuire alla storica vittoria dello scudetto della Lazio nell’anno del centenario, Ormai Mancini è un giocatore maturo, esperto, completo, Le armi vans nere preferite sono ancora le Testimonial, con le quali regala una perla che è rimasta nella storia del calcio: il gol di tacco in Parma – Lazio (1-3) con cui beffò un certo Buffon, Leicester (2001) Asics Testimonial – Il tramonto di Bobby Gol.